Al via la campagna di vaccinazione anti-Herpes Zoster

La campagna è rivolta a tutte le persone dai 50 anni in su, fascia d’età più colpita dal virus, e ai soggetti fragili dai 18 anni in su. La vaccinazione potrà essere effettuata gratuitamente in tutti gli ambulatori di Igiene pubblica della provincia di Oristano.

Continua la lettura

Data:
08 Giugno, 2022

vaccinazione

È partita la campagna di vaccinazione anti-Herpes Zoster, offerta gratuitamente dal Servizio di Igiene e sanità pubblica della Asl n. 5 di Oristano in tutto il territorio provinciale.

A chi è rivolta e dove si svolge

La campagna è rivolta a tutte le persone dai 50 anni in su, fascia d’età più colpita dal virus, e ai soggetti fragili dai 18 anni in su, che potranno prenotare un appuntamento vaccinale presso l’ambulatorio di Igiene pubblica di riferimento fra quelli presenti in provincia:

Sedi ambulatori di Igiene Pubblica

A Oristano città sarà possibile sottoporsi al vaccino anche senza prenotazione, recandosi al Servizio di Igiene pubblica (via Carducci, 35) il martedì o il giovedì, dalle ore 9.00 alle 13.00 o dalle 15.00 alle 18.00. I soggetti a cui è raccomandata la terza o quarta dose anti-Covid potranno effettuare nella stessa occasione i due vaccini, anti-herpes e anti-Covid, considerato che la loro somministrazione in concomitanza non ha alcuna controindicazione.

Coinvolte nella campagna vaccinale anche le Case di riposo e le Rsa del territorio, i cui ospiti, su richiesta delle strutture e previo consenso dei familiari, potranno essere vaccinati sul posto dagli operatori del Servizio di Igiene e sanità pubblica.

Che cos’è l’Herpes Zoster

L’Herpes Zoster, conosciuto anche come “fuoco di Sant’Antonio”, è una malattia frequente e debilitante, dovuta alla riattivazione del virus della varicella, che rimane presente in latenza nel sistema nervoso. L’infezione che ne deriva determina un’eruzione cutanea dolorosa, con la comparsa sul corpo di vescicole accompagnate da bruciore e prurito. Dopo la fase acuta della malattia, possono verificarsi delle complicanze come la nevralgia post erpetica, che provoca un dolore forte e duraturo e risponde poco alle terapie disponibili.

Ad essere colpiti da Herpes Zoster sono soprattutto gli anziani: due terzi dei casi si manifestano in persone oltre i 50 anni, un dato importante alla luce dell’aumento dell’aspettativa di vita: in un mondo che invecchia, si stima che circa una persona su tre, fra gli ultracinquantenni, contrarrà la malattia, il cui sviluppo è legato anche ad altre patologie e a stress.

Modalità di somministrazione del vaccino

Il vaccino viene somministrato in due dosi con un intervallo di 2-6 mesi e riduce il rischio di sviluppare l’Herpes Zoster, ma soprattutto protegge dalla nevralgia post erpetica: la sua efficacia è superiore al 90 per cento nei soggetti dai 50 anni in su e tra il 70 e il 90 per cento negli ultradiciottenni fragili. La vaccinazione può avvenire in concomitanza con quella antinfluenzale, antipneumococcica, anti tetano-difterite-pertosse e anti-Covid. È opportuno invece rimandarla se si ha un’infezione grave, come la febbre.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

08 Giugno, 2022